GreenMarked
92 members
116 photos
8 videos
24 files
170 links
Fresh environmental posts and sustainable livelihood advises every Friday. Just like Greta wants.

Website:
https://www.greenmarked.it

Insta:
https://www.instagram.com/green_marked/

Feedbacks:
t.me/info_greenmarked
Download Telegram
to view and join the conversation
Corso d'aggiornamento in Bondone: Social Media Detox ed Educazione Digitale nell'era COVID-19

In condizioni complicate e stressanti, arriva questo Flash Detox Day in Bondone.

L'evento è a numero ristretto per mantenere le condizioni di sicurezza ed è dedicato a 25 insegnanti trentini di educazione fisica.

Abbiamo 5 posti per chi vuole partecipare come osservatore esterno. Non potrà svolgere le attività con gli altri ma potrà vedere il Detox dal suo interno.

Sappiamo che alcuni sono interessati a proporre attività Detox in altri contesti e nelle proprie realtà e questa è una bella occasione per avere ispirazioni.

Il costo di partecipazione è 25€.
Per iscriverti compila il questionario al link sotto:

https://forms.gle/UhjQQKWaxRLd5fTn9
La nostra ricerca di autentiche storie ambientali fa tappa oggi in Toscana.

Una "new farmer", una #NatureHero italiana.
Una guerriera internazionale che si è fermata nella sua terra d'origine per lottare contro un'ingiustizia che sta distruggendo un patrimonio storico e famigliare.

Leggi la storia della lotta di Martina contro il punteruolo del fico.
Last month Telegram rewarded our Advanced Sustainability Quiz with 500€ for having won the first round of the Telegram Educational Quiz Contest.
We're still happy about it and we're rolling out the first draft of our new educational quiz: "The Digital Carbon Footprint Quiz". Try it out and learn about the environmental impact of our digitalized lives. Drop a comment or some ideas: we may use them to complete the quiz. 😉
🎲 Quiz 'The Digital Carbon Footprint Quiz'
Learn about the environmental impact of your digital life
🖊 15 questions · 1 min
Dealing with the climate crisis is about taking responsibility. Yet, people tend to choose for the easiest way to deal with this situation, which is to simply deny it.

However, in the Dutch bestseller “How Are We Going To Explain This?” by Jelmer Mommers, it is demonstrated once again that denial and despair are not the only possible responses to the climate crisis (Mommers, n.d.).

Instead, Mommers invalidates 12 common misconceptions pervading climate crisis discussions. From a business perspective, the following quote is one that tend to dominates:

“We’ll never achieve sustainability because the world economy just keeps on growing at the cost of the Earth and big companies only ever choose profit”
(Mommers, 2020)

Although the ecological cost of economic growth has been massive, it is not something that should persist. Growth alone will not be a reason for concern anymore when economic sectors become actually sustainable. This already happened with sectors like education.

In addition, many businesses have been addressing climate aspirations and pursuing opportunities in a green economy. In all sectors plans are either in progress or scheduled, putting pressure on the laggards.

One can easily say that not enough is being done yet, but the current direction is green and attractive. An immediate shift from one day to the next is unthinkable, but what about a gradual transition over 30 years? Mommers shows that it is not only very possible; it also happened plenty of times before.

And for those of you that still think that your individual contribution is a drop in the ocean…

Any contribution is worthwhile because the effects of all our actions are cumulative. Moreover, Mommers points out that people constantly inspire each other: we follow each other's example, we influence each other.


People all over the world have heard the call for action. Around the globe, forerunners are working together towards a sustainable society. Become involved in this powerful movement, and simply be the change you want to see in the world!

Mommers (n.d.) How Are We Going To Explain This? Retrieved on 17 September 2020, from https://www.jelmermommers.nl/book
Mommers (2020, 8 July). We can’t afford to fix the planet – and 11 other misconceptions about climate change. Retrieved on 18 September 2020, from https://thecorrespondent.com/569/we-cant-afford-to-fix-the-planet-and-11-other-misconceptions-about-climate-change/425410028329-59b49c4b
Durante il lockdown abbiamo riscoperto e respirato aria pura. Il mondo si era fermato e la natura aveva cominciato a rinascere.

In questi giorni a Trento si svolge la XV edizione del Festival dell’Economia, dal titolo “Ambiente e Crescita”.

Date un'occhiata al ricco programma sul sito internet del Festival, ascoltate gli interventi dei più importanti economisti, manager e ricercatori attuali, discutete con i vostri amici sulla difficile relazione tra la crescita dell'economia e la conservazione dell'ambiente.

Se stasera siete rintananti in casa per questo tempo da lupi, preparatevi un tè caldo e guardate con noi in diretta streaming le tre puntate della serata.

1️⃣ Ore 20:30 - Climate shock: the economic consequences of a hotter planet
di Gernot Wagner
introduce Eugenio Occorsio

Tipo di intervento: le frontiere della ricerca

Abstract: What we know – and what economists can quantify – is bad enough and should have prompted much more ambitious climate policy a long time ago. What we don't know – the known unknowns and unknown unknowns – by and large point in one and only one direction: to more ambitious climate action still.

2️⃣ Ore 21:00 - How climate is changing our idea of freedom
di Amitav Ghosh
introduce Marina Forti

Tipo di intervento: esperienze e testimonianze

Abstract: Climate change has jeopardised the most important political concept of the modern era: the idea of freedom, central not only for contemporary politics, but also for the humanities, arts and literature.

3️⃣ Ore 21:00 - Pandemics and innovation
di Robert Johnson e Michael Spence
organizzato da INET
introduce Tito Boeri

Tipo di intervento: dialogo

Abstract: The Covid pandemic has drastically affected how the world economy operates. How many of the changes might be permanent? Might innovations adopted out of necessity lead to major changes in how economies function in the future?
Anche noi del Team GreenMarked guarderemo e discuteremo i contenuti delle puntate di stasera. Lascia un commento oppure scrivici direttamente utilizzando i pulsanti sotto. Ti risponderemo in diretta 😉
Oggi torniamo a parlare della Paganella perché sono ritornati i lavori di disboscamento sull'Altopiano. Per costruire le nuove piste malauguratamente autorizzate dalla Provincia, lo sci sta lasciando devastazioni ambientali sempre più grandi. Nessuno vuole fermare lo sport e il divertimento all'aria aperta ma l'equilibrio tra sviluppo turistico-sportivo e conservazione ambientale si è rotto in Paganella. Può la Mountain Bike diventare la meno impattante alternativa allo sci e contribuire a ripristinare quell'equilibrio tra uomo e natura?
Another Detox camp is knocking at the door!
6-8 November,
once again at the Aerat Center on Mount Bondone, Trentino (Italy).
This time it'll be dedicated to your focus and your wellbeing at work and university (or perhaps in your smart-working home office).

3️⃣ days of environmental retreat to detox from social media and find your focus again in the mountains.

3️⃣ days of training, innovation and networking, as well as fun and wellbeing.

3️⃣ days where smartphones and social media are replaced by study or work moments alternated by environmental, sports, recreational, cultural and artistic activities.

Here are some program highlights:

Friday 6 November:

- Emotional intelligence and mindfulness
- Theater workshop: Black Mirror in the Covid-19 era
- “Ninety days on a farm: The story of a digital escaper – Literary happy hour and tasting"
- Brulè wine and chill-out evening.

Saturday 7 November:

- Morning jog
- Innovation Lab #1: Brainstorming & project management
- Innovation Lab #2: Analogical and digital communication strategies
- Paper vs. Digital: How can we transfer jobs in the outdoor?
- Nature-coffee break
- Black Mirror Horror story telling.

Sunday 8 November:

- Morning yoga
- Seminar #1: A digital diet
- Seminar#2: The digital carbon footprint
- Innovation Lab #3: team working & networking
- Playing in a digital world, while keeping your head analogical: geocaching and digital gym workout.

👩‍🎓👷‍♂️15-30 participants (18-60 years old).

Languages: 🇮🇹 & 🇺🇸

How much:

▶️ 250€ for three days (includes two overnight stays at the Aerat Center, 7 full meals, access and use of all Aerat facilities and study rooms, participation to all of the Detox activities, evening aperitifs and tastings, anti-Covid19 safety measures)
▶️ 90€ per day (includes access and use of the Aerat facilities, lunch and dinner, evening aperitifs, anti-Covid19 safety measures).

❗️You can get up to 50% discount if you are a student, a member of the @greenmarked and @socialmediadetox Telegram channel and group, you enroll before October 15❗️

Check out all the discounts and the details of the program on www.greenmarked.it/socialmediadetox-workandfocus-eng and enroll!

#AreYouReadyToDetox?
Spiritualità e natura. È questo il filo conduttore che lega le due testimonianze, raccolte nel video, di due volontari della comunità Papa Giovanni XXIII, i quali raccontano la loro storia di condivisione con il popolo Mapuche e con la comunità di pace di S. José de Apartado.

Il video inizia col racconto del popolo Mapuche (mapu: terra; che: popolo) stanziato nel sud del Cile e dell’Argentina. Un popolo che cerca di sopravvivere, resistendo all’occupazione dei “coloni” occidentali e alle loro logiche economiche imperialistiche mentre difende il proprio legame con la terra. Un legame di scambio con la natura, vista come culla di umanità anziché oggetto di sfruttamento.

Nella seconda parte del video, invece, viene presentata la comunità di pace di S. José de Apartado in Colombia. Una comunità di contadini che ha deciso da più di 20 anni di vivere a stretto legame con la terra e di difenderla tramite “l’arma” della non violenza dagli attacchi violenti di guerriglie colombiane.

Nel finale del video viene raccontato il punto di vista di diversi popoli e del legame hanno con la terra. Un legame che spesso la società occidentale ha dimenticato.

#LandDefenders
Adesso che siamo di nuovo in semi-lockdown e le attività sociali sono praticamente vietate, vi proponiamo il #geocaching come sport individuale, da fare all’aria aperta, in modalità Covid-Free e in linea con l’art.1 – comma 9d dell’ultimo DPCM (3 novembre 2020) in materia di attività sportive.

Il geocaching è una caccia al tesoro moderna che utilizza coordinate GPS per trovare tesori (i.e. geocaches) nascosti nel mondo reale da persone reali. Il geocacher usa uno strumento dotato di GPS per recarsi alle coordinate dove è nascosto il geocache. Una volta individuatolo, il geocacher deve aprire il contenitore, scrivere il proprio nome nel geocaches log sheet e caricare il ritrovamento sul sito www.geocaching.com o sull’app dedicata, integrandolo con un commento. Una volta fatto, rimette tutto all’interno del contenitore, lo chiude bene per non far entrare umidità e nasconde il geocache lì dove l’ha trovato: lontano dagli occhi dei babbani e rintracciabile dagli altri giocatori.

Noi del Team Greenmarked abbiamo nascosto quattro green geocaches a Mezzocorona per mettere in risalto alcune qualità e criticità ambientali presenti nel Comune e ti sfidiamo a trovarli tutti e quattro. Scarica la app sul tuo smartphone o tira fuori il tuo Garmin e mettiti in cammino.

1️⃣ Doss de la Roda
https://www.geocaching.com/geocache/GC927K4

2️⃣ Funidisca
https://www.geocaching.com/geocache/GC927M4

3️⃣ Masodisca
https://www.geocaching.com/geocache/GC927JA

4️⃣ Un patrimonio rimasto a secco
https://www.geocaching.com/geocache/GC8M5VR

Ci sono milioni di geocaches in tutto il mondo. Guarda dalla mappa se ce ne sono anche nel tuo Comune. Se sei in zona verde o gialla non hai scuse. Se sei in zona arancione o rossa aspetta finché il livello di rischio scende. Tranquilla/o. I geocaches non scappano!

❗️Prima di aprire il contenitore igienizzati le mani ❗️
🌐 Oggi vi proponiamo una sfida: quanto sapete del mondo digitale?

♻️ E se vi chiedessimo di spiegare cos’è l’impronta al carbonio digitale cosa rispondereste?

🙇‍♀️ Sicuramente qualcuno nemmeno capirebbe la domanda!

🇬🇧 Ebbene, se l’inglese non vi spaventa e avete voglia di mettervi in gioco ed imparare nuove nozioni dal mondo dell’informatica da un punto di vista ambientale, potete provare il nostro Digital Carbon Footprint Quiz aggiornato con 30 domande e nuovi contenuti. Ogni domanda ha una breve introduzione e anche una spiegazione della risposta, citando tutte le fonti delle informazioni presentate.

❗️Provateci anche voi! Se avete commenti potete lasciarli tramite Telegram qui sotto.
🎲 Quiz 'The Digital Carbon Footprint Quiz'
There are many ways to calculate the environmental impact of a process. One of the preferred ways is the so called "carbon accounting", which uses carbon emissions as reference. We can calculate the direct carbon emissions of an automotive factory or a flight from Spain to Bolivia. We can also compute the indirect carbon emissions, which are the emissions upstream or downstream the process being studied. Let us take a wine farm as example: emissions do not only come from the farming machinery but also from those factories that produced the fertilizers used on farm. By converting direct and indirect processes into carbon emission units, one can calculate the carbon footprint, which is the outcome of the accounting estimates. Carbon footprints help comparing the environmental impacts of different activities: from farms to insurance companies, from ski resorts to digital businesses. Today we focus on digital carbon footprints. Take this quiz and learn about the environmental impact of your digital life!
🖊 30 questions · 2 min
Sostenibilità e tecnologia: il #Fairphone

Avete mai pensato all' #ImprontaEcologica dell'oggetto che abbiamo in mano ogni giorno, cioè il nostro amato cellulare? Come è possibile avere un’industria dell’elettronica più equosolidale?

Cercando di rispondere a queste domande, nel 2013 è nato il Fairphone, il primo smartphone etico e modulare al mondo. Il Fairphone prioritizza la sostenibilità ambientale, l'equità delle condizioni di lavoro, il rispetto degli ecosistemi locali, la protezione dei diritti umani e la soddisfazione dei lavoratori.

L'ultimo Fairphone 3 e 3+ coniuga prestazioni elettroniche e l'impegno di cambiare il mondo. È stato premiato dal Times come una delle 100 migliori invenzioni del 2020 perchè:

📷 è fair nel suo ciclo di produzione, sia nei confronti dei lavoratori che dell'ambiente;
📷 è modulare, il che significa che ogni suo pezzo può essere cambiato in caso di rottura o miglioramento, senza dover cambiare cellulare e producendo ulteriori rifiuti elettronici.

Cambiare il mondo non è semplice, ma può iniziare tra le tue mani.

#ChangeIsInYourHands #BuiltToLast

Se sei interessato a comprare un Fairphone, hai già un Fairphone e vuoi condividere il tuo parere in merito, clicca il pulsante sotto e lascia il tuo commento.

#DareToCare
Life on Land

“Protect, restore and promote sustainable use of terrestrial ecosystems, sustainably manage forests, combat desertification, and halt and reverse land degradation and halt biodiversity loss.”

This is what the United Nations defined as the 15th Sustainable Development Goal (SDG): Life on Land.